Linee guida per gli acquisti responsabili e la selezione della supply chain

PREMESSA
Slalom è una Società innovativa che si occupa di progettare e realizzare, col supporto di partner consolidati tutti Italiani, prodotti fonoassorbenti per ambienti interni.
Come esplicitato all’interno del proprio Codice Etico, Slalom è conscia dell’importanza e della responsabilità che lo svolgimento della propria attività d’impresa comporta nei confronti del mercato e degli utilizzatori finali dei prodotti e dei servizi che promuove.
Slalom è inoltre consapevole che le decisioni che si prendono quando si acquistano beni e servizi e il modo in cui si influenzano i propri partner e fornitori offrono un’opportunità di cambiamento positivo maggiore rispetto a quella che potrebbe essere ottenuta agendo solo su aree sotto il diretto controllo operativo.
Il presente documento mira a fornire le linee guida atte a supportare il processo di acquisto e la selezione dei fornitori in ottica responsabile, perseguendo il fine ultimo di contribuire allo sviluppo sostenibile.

OBIETTIVI
Tramite queste linee guida Slalom riconosce l’importanza dell’utilizzo di parametri ESG per la valutazione e selezione dei propri fornitori, e si impegna ad adottare sempre più una politica da diffondere e condividere con i propri partner e fornitori che includa tali parametri al fine di integrare la sostenibilità a pieno titolo nei propri processi di acquisto.

ALCUNI DATI
Slalom ha costruito nel tempo solidi rapporti con i propri fornitori, alcuni dei quali rappresentano dei partner di lunga data. Considerando l’insieme dei fornitori che incidono per oltre il 90% in termini di fatturato (dati 2022) si riportano di seguito alcuni dati frutto di una recente indagine interna.
Il 40% dei fornitori possiede la certificazione aziendale ISO 9001, relativa al sistema di gestione qualità. La norma rappresenta il riferimento per un’organizzazione che intenda pianificare, attuare, monitorare e migliorare sia i processi operativi che quelli di supporto, progettando e implementando il sistema di gestione qualità come mezzo per raggiungere gli obiettivi.
L’indagine ha riguardato sia le certificazioni aziendali sia quelle relative al prodotto. Tra le certificazioni di prodotto possedute dai fornitori troviamo sia certificazioni e etichette relative al materiale e al prodotto specifico, sia relative alle performance possedute, soprattutto in ambito ambientale e acustico. Il 40% dei fornitori ha almeno una certificazione di prodotto, il 20% ne ha almeno 3.
Le certificazioni relative al prodotto maggiormente diffuse tra i fornitori in oggetto sono:
– Global Recycled Standards (posseduta dal 20%)
– OEKO – TEX STANDRAD 100 ( posseduta dal 20%)
Ad oggi soltanto il 20% dei fornitori possiede sia certificazioni aziendali che di prodotto. Slalom si impegna ad incentivare i propri fornitori all’adozione di sistemi e pratiche sostenibili in ambito ESG, incluse certificazioni e attestazioni aziendali.

PARAMETRI VALUTATIVI GENERALI PER LA SELEZIONE DEI FORNITORI
In accordo con il concetto – contenuto nella ISO 20400 – di acquisti sostenibili, ovvero quelli che generano impatti sociali, ambientali ed economici maggiormente positivi possibili nell’intero ciclo di vita di prodotti e servizi e che puntano a ridurre al minimo gli impatti negativi, nel processo di acquisto, di beni e servizi, si valutano positivamente i seguenti elementi:
Effettiva necessità di acquisto
Filiera corta e prossimità
Possesso di certificazioni / etichettature
Presenza di attestazioni aziendali
Rendicontazione di sostenibilità

CRITERI E STRUMENTI SELETTIVI DI CARATTERE ESG
I parametri valutativi sopra elencati si traducono in differenti strumenti ed elementi, utilizzati e riconosciuti a livello internazionale. Si riporta di seguito un elenco degli elementi e strumenti ad oggi valutati positivamente nella selezione fornitori. L’elenco è da considerarsi indicativo ma non esaustivo e sarà periodicamente oggetto di aggiornamento e revisione.

Certificazioni aziendali basate su norme e standard internazionali
Certificazione SA8000 [Social Accountability]: rispetto dei diritti umani, dei diritti dei lavoratori, tutela contro lo sfruttamento dei minori, garanzie di sicurezza e salubrità sul posto di lavoro.
ISO 45001 [salute e sicurezza] Sistema di Gestione per la Salute e Sicurezza sul lavoro (precedente certificazione OHSAS 18001 (Occupational Health and Safety Assessment Series).
ISO 14001 [ambiente]: norma tecnica dell’Organizzazione internazionale per la normazione (ISO) sui sistemi di gestione ambientale (SGA) che fissa i requisiti di un sistema di gestione ambientale di una qualsiasi organizzazione. Tale norma può essere utilizzata per una certificazione, per un’auto-dichiarazione oppure semplicemente come linea guida per stabilire, attuare e migliorare un sistema di gestione ambientale.
ISO 9001 [qualità]: è la norma di riferimento per un’organizzazione che intenda pianificare, attuare, monitorare e migliorare sia i processi operativi che quelli di supporto, progettando e implementando il sistema di gestione qualità come mezzo per raggiungere gli obiettivi.
ISO 50001 [energia]: specifica i requisiti per creare, avviare, mantenere e migliorare un sistema di gestione dell’energia. L’obiettivo di tale sistema è di consentire che un’organizzazione persegua, con un approccio sistematico, il miglioramento continuo della propria prestazione energetica comprendendo in questa l’efficienza energetica nonché il consumo e l’uso dell’energia.
Regolamento Europeo EMAS (conforme alla ISO 9001): La registrazione EMAS (Eco-Management and Audit Scheme) è uno strumento volontario di certificazione ambientale rivolto ad aziende ed enti pubblici, per la valutazione, la relazione e il miglioramento delle prestazioni ambientali.

Certificazioni ambientali (sede fisica):
LEED (Leadership in Energy and Environmental Design): è un sistema di valutazione che fornisce la metodologia e gli strumenti necessari per eseguire un’analisi olistica delle performance di sostenibilità di un edificio. La certificazione LEED interessa il sistema edificio a 360 gradi. LEED prevede l’assegnazione di un punteggio legato al conseguimento di Crediti, a seconda dell’intervallo di punteggio raggiunto, deriva il livello di certificazione ottenuto dal livello base Certified, al Silver, al Gold fino al livello Platinum.
BREEAM: è il protocollo britannico di sostenibilità fondato nel 1990. BRE Environmental Assessment Method, la certificazione BREEAM spazia dal settore residenziale a quello commerciale, dalle scuole al retail, dagli uffici ai penitenziari e persegue l’analisi e la valutazione in maniera olistica degli impatti ambientali legati agli edifici.
WELL: Il protocollo di certificazione WELL è stato appositamente studiato per verificare e certificare il livello di salubrità e di benessere di chi vive negli ambienti costruiti. E’ fondato sulla misurazione, certificazione e monitoraggio di tutti gli aspetti dell’edificio che possono avere impatto sulla salute ed il benessere degli occupanti.

Attestazioni aziendali e sistemi di valutazione della sostenibilità:
Società Benefit Benefit corporation è uno stato giuridico – ammesso in Italia (dal 1º Gennaio 2016) come Società Benefit, pensato per aziende a scopo di lucro che vogliano andare oltre l’obiettivo del profitto, e che vogliano massimizzare il loro impatto positivo verso la società e l’ambiente.
B-Corp: La certificazione B Corporation® (o B Corp®) è una certificazione rilasciata alle aziende da B Lab, un ente non-profit internazionale. Per ottenere e mantenere la certificazione, le aziende devono raggiungere un punteggio minimo su un questionario di analisi delle proprie performance ambientali e sociali e integrare nei documenti statutari il proprio impegno verso gli Stakeholder, ad esempio adottando lo status giuridico di Benefit Corporation, in Italia Società Benefit.
Norma SRG 88088:20 Social Responsibility and Governance® è la struttura base dello schema di certificazione accreditato da Accredia. La certificazione del sistema di gestione per la sostenibilità è una valutazione di terza parte indipendente, che verifica e certifica il percorso per la sostenibilità a tutela del Pianeta, della Popolazione e dell’Economia.
4sustainability® è un innovativo framework di implementazione che garantisce le performance di sostenibilità della filiera del fashion & luxury. Prevede il rispetto di requisiti rigorosi allineati agli SDGs e alla GFA (Global fashion Agenda) sui quali viene esercitato un monitoraggio costante.
EcoVadis: ente privato che si occupa di valutazioni ambientali della sostenibilità.
Vengono valutate positivamente ulteriori attestazioni/certificazioni aziendali rilasciate da enti terzi.

Rendicontazione di sostenibilità aziendale:
Bilancio di sostenibilità documento di rendicontazione aziendale nel quale un’impresa comunica ai propri stakeholder le proprie performance ESG e gli eventuali progressi effettuati in ambito ambientale, sociale e di governance
Relazione di impatto documento redatto dalle Società Benefit che descrive le metodologie utilizzate per la creazione del beneficio comune, gli obiettivi raggiunti o le ragioni che ne hanno impedito il raggiungimento, oltre alla definizione di ulteriori obiettivi da perseguire nell’esercizio successivo
Dichiarazione non finanziaria, o altri documenti relativi a reportistica ESG
Criteri Ambientali Minimi Conformità ai Criteri Ambientali Minimi (CAM), ovvero “i requisiti ambientali definiti per le varie fasi del processo di acquisto, volti a individuare la soluzione progettuale, il prodotto o servizio migliore sotto il profilo ambientale lungo il ciclo di vita, tenuto conto della disponibilità di mercato”, identificati dalla normativa italiana.

Etichettature e altre certificazioni legate al prodotto e alla filiera
Considerando la grande varietà e eterogeneità degli attori coinvolti nei processi produttivi, è utile rivolgersi alla Politica Europea di Prodotto, la IPP (Integrated Product Policy) adottata nel 2008 dalla Comunità Europea, che ha generato un insieme di strumenti volontari e obbligatori utilizzabili per raggiungere gli obiettivi di riduzione e miglioramento ambientale. La IPP si applica a livello comunitario.
Inoltre, le etichette ambientali di seguito considerate potranno far riferimento allo standard UNI EN ISO 14020 che individua le caratteristiche e i requisiti per il loro utilizzo.

In accordo con il gruppo di norme ISO 14020, le etichette considerate dovranno essere riconducibili alle seguenti categorie:
– Etichettature Ambientali a Scopo Prestazionale
– Asserzioni Ambientali Auto-Dichiarate
– Dichiarazioni Ambientali di Prodotto a Scopo di Valutazione completa
– Attestazioni di prodotto.

Potranno essere considerati criteri premianti anche il possesso o l’utilizzo di claim etici, purché questi facciano espressamente riferimento alla specifica norma internazionale ISO/TS 17033.

Nelle seguenti tabelle si riportano alcuni esempi di certificazioni di prodotto, di filiera e esempi di etichettature considerati positivamente nel processo di selezione dei propri fornitori.

 

Bio PVC /PET, PLA

Le bioplastiche sono composte in tutto o in parte da risorse biologiche rinnovabili. Le proprietà delle bioplastiche possono variare enormemente da materiale a materiale. Le plastiche resistenti a base biologica o parzialmente biologica, le cosiddette “bioplastiche drop-in”, come il PE, il PET o il PVC a base biologica o parzialmente biologica, possiedono proprietà identiche alle loro versioni tradizionali. Queste bioplastiche non possono essere distinte dalle plastiche convenzionali se non attraverso analisi scientifiche.

 

FSC

Il Forest Stewardship Council (FSC) è un sistema di certificazione riconosciuto a livello mondiale con milioni di ettari di foreste certificate secondo i suoi standard di conservazione delle foreste. Gli standard basati sulle prestazioni comprendono valori ambientali, sociali ed economici, e sono concepiti per garantire che le foreste siano gestite in modo sostenibile.

 

FWF

Le aziende di abbigliamento certificate Fair Wear, hanno pratiche commerciali trasparenti ed aperte. La certificazione Fair Wear significa che un marchio è membro di Fair Wear e lavora attivamente per migliorare le condizioni di lavoro delle persone nell’industria dell’abbigliamento.

 

GOTS

Il GOTS è riconosciuto come il principale standard di lavorazione al mondo per i tessuti realizzati con fibre organiche. Solo i prodotti tessili che contengono un minimo del 70% di fibre organiche possono diventare certificati GOTS. Tutti gli input chimici come i coloranti e gli ausiliari utilizzati devono soddisfare determinati criteri ambientali e tossicologici.

 

TCO

TCO Certified è la certificazione di sostenibilità più completa al mondo per i prodotti IT, che vi aiuta a fare scelte di prodotto responsabili che guidano il settore in una direzione sostenibile. L’utilizzo di TCO Certified supporta anche gli sforzi della vostra organizzazione per ridurre i rischi e fare il passo successivo nella responsabilità sociale e ambientale.

 

Filiera produttiva:

 

Ecocert Fair
Trade

Ecocert è un ente di ispezione e certificazione creato in Francia nel 1991. Fin dalla sua creazione, Ecocert è specializzato nella certificazione di prodotti dell’agricoltura biologica.

 

Organic Fair
Trade &
Organic
Solidarity

Il marchio “Organic fair trade” è stato creato nel 2000, destinato ad aziende che lavorano con produttori organizzati nei paesi in via di sviluppo.
Condizioni per l’utilizzo del marchio: l’organizzazione deve essere associata a Bio Partenaire; l’organizzazione deve essere certificata secondo gli standard ESR; il prodotto deve essere certificato secondo gli standard ESR e del biologico.

 

Fair For Life

Il programma Fair for Life, creato nel 2006, è il risultato della collaborazione tra l’ente certificatore IMO (Institut for Marketecology) e Bio-Foundation. IMO è un organismo particolarmente attivo nel campo della produzione verde, dell’agricoltura biologica e dei sistemi per la gestione ambientale Fair for Life combina tre tipi di requisiti: agricoltura biologica, responsabilità sociale d’impresa e Commercio Equo e Solidale.

 

Fairtrade International
/ Fair Trade
Usa

Fairtrade International agisce per sostenere il miglioramento delle condizioni di vita per i produttori di paesi del Sud e cambiare le regole del commercio mondiale. Partecipa alle principali conferenze internazionali su questioni di sviluppo, tutela della biodiversità e riscaldamento globale.

 

Forest
Garden
Products

Questo particolare modello agro-forestale serve a incoraggiare il recupero di zone deforestate e degradate, offrendo alle popolazioni nuove fonti di reddito, alimentazione e per altre necessità di base. Questo metodo di coltivazione ha lo scopo di preservare acqua e suolo, controllare i parassiti, incentivare la biodiversità e il recupero del ciclo delle sostanze nutritive.

 

Naturland
Fair

Un prodotto può essere certificato “Naturland Fair” quando la percentuale di materie prime proveniente da fonti del commercio equo supera il 50% (peso secco) del prodotto e sia provato che le restanti materie prime non sono disponibili di Commercio Equo e Solidale.

 

Small
Producers’
Symbol

La rete continentale CLAC (Coordinamento latino-americano di produttori del Commercio Equo e Solidale), ha deciso di creare il proprio marchio, Small Producers’ Symbol

 

World Fair
Trade
Organization

Questo marchio prodotto può essere utilizzato esclusivamente dai soci WFTO che hanno superato con successo il primo audit esterno.
Nel caso in cui il prodotto contenga principalmente ingredienti provenienti da un altro socio WFTO, l’organizzazione del Commercio Equo e Solidale rifornitrice può essere indicata assieme a ulteriori informazioni sull’organizzazione che lo commercializza.

 

– Etichettature Ambientali a Scopo Prestazionale

 

Ecolabel

Ecolabel UE è il marchio di qualità ecologica dell’Unione Europea (Ecolabel UE) che contraddistingue prodotti e servizi che pur garantendo elevati standard prestazionali sono caratterizzati da un ridotto impatto ambientale durante l’intero ciclo di vita.

 

Der Blaue
Engel

è un marchio ambientale sviluppato in Germania che viene assegnato a prodotti e servizi particolarmente rispettosi dell’ambiente dal 1978. Il proprietario del marchio è il Ministero federale per l’ambiente, la conservazione della natura, l’edilizia e la sicurezza nucleare.

 

Green Seal
USA

Green Seal è un’organizzazione senza scopo di lucro per lo sviluppo e la certificazione di standard ambientali. Il suo programma di punta è la certificazione di prodotti e servizi. La certificazione si basa sugli standard Green Seal, che contengono criteri di prestazioni, salute e sostenibilità.

 

RWS, RMS, RAS

Il Responsible Wool Standard (RWS) è una certificazione volontaria sviluppata da Textile Exchange Ed è parte dello standard Responsible Animal Fibre.
RAF è il più importante standard per la certificazione di prodotti che contengono fibre animali da allevamenti responsabili. Ha riunito gli standard RWS (Responsible Wool Standard), RMS (Responsible Mohair Standard) e RAS (Responsible Alpaca Standard)

 

Nordic
swan
ecolabel

Il marchio di qualità ecologica Nordic Swan è un sistema di etichettatura ambientale che certifica che un prodotto o un servizio è conforme a determinati requisiti.

 

– Dichiarazioni Ambientali di Prodotto a scopo valutazione completa

 

EPD

è una dichiarazione circa le performance ambientali di un prodotto o di un servizio: tale dichiarazione segue lo schema di certificazione volontaria espresso dallo standard ISO 14025 (“Etichette e dichiarazioni ambientali – Dichiarazioni ambientali di Tipo III”) e, per le costruzioni, anche dallo standard EN 15804 (“Sostenibilità delle costruzioni – Dichiarazioni ambientali di prodotto – Regole quadro di sviluppo per categoria di prodotto”).

 

Greentag

Global GreenTag gestisce un programma di Dichiarazione Ambientale di Prodotto (EPD) conforme alla norma ISO 14025.
La dichiarazione basata sul ciclo di vita LCA è emessa come EPD conforme alla norma ISO 14025.

 

– Altre etichettature ambientali o certificazioni di settore

 

PEFC

Il Programma di Valutazione degli schemi di certificazione forestale (Programme for the Endorsement of Forest Certification schemes) è una organizzazione di certificazione per la gestione sostenibile delle foreste.

 

Oeko-Tex

STANDARD 100 by OEKO-TEX® è un sistema di controllo e certificazione indipendente e uniforme a livello internazionale per le materie prime, i semilavorati e i prodotti finiti del settore tessile ad ogni livello di lavorazione, oltre che per i materiali accessori utilizzati

 

GRS – Global
Recycled
Standard

Lo standard GRS riconosce l’importanza del riciclo per la crescita di un modello di produzione e consumo sostenibile, con l’obiettivo di favorire la riduzione del consumo di risorse (materie prime vergini, acqua ed energia) ed aumentare la qualità dei prodotti riciclati.

 

PSV – Plastica
seconda vita

Il marchio “Plastica Seconda Vita” (PSV) è un sistema di certificazione ambientale di prodotti derivati dal trattamento dei rifiuti plastici recuperati dalla raccolta differenziata o da scarti industriali.

 

REmade in Italy

REmade in Italy è una certificazione sul contenuto di materiale riciclato all’interno di un dato prodotto. Attesta il contenuto di materiale riciclato dei prodotti (almeno il 10% del peso complessivo del prodotto)

 

Certificazioni legate alle prestazioni del prodotto e al rispetto delle normative per i componenti edilizi (tra cui ad esempio i CAM Criteri Ambientali Minimi), sui componenti chimici

 

Indoor Air
Comfort -eurofins

Lo strumento Indoor Air Comfort Gold certifica la conformità delle emissioni del prodotto ai criteri di molte delle specifiche volontarie emesse dai marchi ecologici più rilevanti, alle specifiche nell’UE e ai requisiti per le certificazioni di edifici sostenibili, inclusi i CAM edilizia.

 

Greenguard

La certificazione GREENGUARD assicura che un prodotto soddisfi alcuni degli standard più rigorosi e completi al mondo per le basse emissioni di composti organici volatili (VOC) nell’aria interna.

 

Indoor air quality

Sistema di certificazione relativo a prodotti per interni che attesta il soddisfacimento di ridotte emissioni di VOC in interno.

 

HPD

Lo standard Health Product Declaration (HPD) fornisce un framework per i produttori di prodotti e i loro fornitori di ingredienti per segnalare e divulgare informazioni sul prodotto e sulle informazioni sanitarie associate. L’HPD Open Standard è uno standard volontario per le parti interessate governato da HPD Collaborative, un’organizzazione senza scopo di lucro.

 

Intertek – clean air gold

Il programma Clean Air di Intertek testa e certifica in modo indipendente i prodotti a bassi standard VOC che sono riconosciuti da iniziative di sostenibilità tra cui, a titolo esemplificativo ma non esaustivo, LEED, WELL e BIFMA e3.

 

REACH
compliant

REACH certifica il rispetto delle norme previste dal REACH (Registration, Evaluation, Authorization and Restriction of Chemicals European Union Regulation (EC) 1907/2006, regolamento dell’Unione Europea concernente la registrazione, la valutazione, l’autorizzazione e la restrizione delle sostanze chimiche. REACH definisce gli obblighi per i produttori e importatori di sostanze in quantitativi pari o superiori a 1 tonnellata/anno, gli utilizzatori a valle di sostanze nonché produttori e importatori di articoli che operano nello Spazio Economico Europeo.

 

 

Iscriviti alla newsletter